Doraemon

doraimon

DORAEMON 3D

di

TAKASHI YAMAZACHI e RYÛICHI YAGI

Il film campione di incassi in Giappone con oltre 60 milioni di dollari

in anteprima internazionale all’XI edizione di Alice nella Città.

Il simpatico e protettivo gatto robot, creato da Fujiko F. Fujio, che dal 1969 ad oggi diverte grandi e piccini con manga, serie, musical e video giochi e che in Italia rappresenta
il cartone animato TV più seguito di sempre, approda per la prima volta sul grande schermo
con una nuova avventura, in uno spettacolare 3D stereoscopico.

Protagonista è sempre Nobita, un bambino di 10 anni destinato ad un futuro di insuccessi
a causa della sua natura pigra a indolente.

Per evitare che diventi un vero e proprio perdente, arriva in suo soccorso Doraemon,
una sorta di “fratello maggiore” con il compito di aiutarlo a difendersi dai bulli Gian e Suneo e a diventare un ragazzino assennato e un adulto responsabile.

Per riuscire nell’intento, Doraemon utilizza una serie di incredibili e magici gadget,
i “chiusky”, che in questa occasione condurranno il gatto azzurro e il piccolo Nobita
nel futuro per provare a modificare una sorte che si preannuncia non proprio felice, soprattutto sul lato sentimentale…

Riuscirà Nobita a conquistare finalmente Shizuka, la dolce amica che ama da sempre
e a non farsi più influenzare da Gian e Suneo?

Il loro sarà un viaggio nel tempo avvincente e ricco di sorprese che non deluderà
i fan vecchi e quelli nuovi.

~ di biancoandnero su settembre 25, 2014.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: