ALAN FORD STORY n.9

con Panorama e Tv Sorrisi e Canzoni 

CONTIENE:

Alan Ford #17: Cure termali

Sono ben sedici anni che il terribile gangster Romeo Burton è evaso da Sing Sing…

è arrivato il momento di consegnarlo alla giustizia, Gruppo TNT!

Alan Ford #18: Il cane da un milione di dollari

Che cosa può impedire ad Alan Ford e Bob Rock di godersi delle meritate vacanze?

…Solo la ricompensa di un milione di dollari offerta da un bizzarro

riccone per ritrovare il proprio cane!

 

LOTTA DI CLASSE di Moreno Burattini

Anche agli agenti del Gruppo TNT sono concessi, periodicamente, alcuni giorni di relax. Più volte, nel corso della saga alanfordiana, li vediamo partire per grandi o piccole vacanze: talvolta sperimentano persino l’ebbrezza di una crociera, o di tour tutto compreso, o del soggiorno in villaggi vacanze, anche se inevitabilmente i risvolti sono tragicomici. Non di rado, l’occasione vacanziera è lo spunto per una divertente missione avventurosa, ma sempre la satira di Max Bunker colpisce l’industria del divertimento organizzato e massificato, e soprattutto i miti delle ferie piccolo-borghesi. Un esempio fra i più riusciti è quello delle prime quaranta pagine dell’episodio “Il cane da un milione di dollari”, il secondo dei due contenuti in questo volume. Già nella pagina iniziale del racconto, uscito in prima edizione nel novembre del 1970, e dunque in anni ideologicamente “caldi”, vediamo Alan Ford e Bob Rock seduti a prendere il sole in riva al mare, ma su uno squallido arenile pieno di rifiuti, a ridosso di un muro che si protende fin dentro l’acqua e che divide la “spiaggia popolare” dalla “spiaggia per ricchi”, come indicano due cartelli. Dall’altro lato, il lido ha tutt’altro aspetto. Commentano, infatti, nostri eroi: “Certo che da quella parte la sabbia è migliore, più pulita, con cabine, bar…” Lì, le danarose famigliole, con figli che sono le copie in miniatura dei genitori, si siedono sulle sdraio al riparo degli ombrelloni e si sbafano pantagruelici picnic, ovviamente gettando i rifiuti nella spiaggia dei poveracci. […]

Citazioni cinematografiche

Il soprannome del gangster Romeo Burton, alias “Il Grande Cesare” è un chiaro riferimento al film “Piccolo Cesare” (Little Caesar), del 1931, interpretato da Edward G. Robinson. Il film, diretto da Mervyn LeRoy, nel cast anche Douglas Fairbanks Jr., racconta di un gangster della Chicago degli anni Venti che riesce a diventare, da piccolo bandito, un potente boss della mafia. Ma c’è anche un richiamo cinematografico, benché limitato soltanto al titolo, anche per “Il cane da un milione di dollari”: è alla commedia “Il collare da un milione di dollari” (The Million Dollar Collar), datata 1966, regia di Vincent McEveety con Guy Stockwell e Craig Hill. In questa pellicola, il cane di un ufficiale di bordo di una nave, Hector, viene rapito dal direttore di un circo che vuol farlo esibire nel suo spettacolo. Hector riesce a fuggire e torna al porto quando però la nave del padrone è già ripartita. Vagando senza meta, l’animale viene coinvolto in un furto di diamanti che contribuisce a sventare. Un’altra citazione cinematografica è suggerita dallo stesso Bob Rock allorché, per vendicarsi delle “vecchiacce petulanti” che lo volevano linciare, rovescia un barile di vino rosè nelle tubature della fonte a cui si abbeverano i degenti dello stabilimento termale: “Ho visto una faccenda analoga in un vecchio film di Charlot e se i risultati saranno almeno la metà, mi sbuseccherò dal ridere.” Le conseguenze del mix fra acqua “color sporco”, verosimilmente solforosa, e l’alcool sono davvero esilaranti.

Autori Max Bunker, Magnus / Pagine 256 / Formato 14×21 cm, Cartonato, B&N / Cura editoriale Magic Press / Grafica della copertina Marco Pennisi / Grafica interna MP Studio / Euro 7,90

~ di biancoandnero su gennaio 7, 2010.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: